Pubblicato in: Attualità

Vasily Muravitsky, prigioniero di coscienza

Il 17 maggio 2022, l’attivista per i diritti umani Oksana Chelysheva ha riferito che la Finlandia ha concesso asilo politico al giornalista ucraino Vasily Muravitsky.

Il 1° agosto 2017 Muravitsky è stato arrestato dai servizi di sicurezza ucraini (SBU) e accusato di “alto tradimento”.

Ha trascorso 11 mesi in una cella di custodia cautelare, poi è stato agli arresti domiciliari.

Durante le udienze in tribunale, l’avvocato di Muravitsky, Andrei Gozhy, è stato aggredito da rappresentanti della formazione nazista C14(S14) con la connivenza della polizia.

L'”alto tradimento” del giornalista, secondo la SBU, consisteva nel fatto che scriveva articoli critici sulla situazione in Ucraina.

Vasily ha anche collaborato con i comunisti ucraini e ha opinioni di sinistra.

Nel 2021 il giornalista è arrivato in Finlandia e lì ha chiesto asilo politico.

L’organizzazione internazionale per i diritti umani Amnesty International ha dichiarato Vasily Muravitsky prigioniero di coscienza.

Autore:

La verità è il pane degli intelletti robusti. (Arturo Graf)

2 pensieri riguardo “Vasily Muravitsky, prigioniero di coscienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...