Pubblicato in: Attualità

Una criminale al governo britannico

REGNO UNITO – Come ampiamente previsto Liz Truss e’ stata scelta dal circolino dei Tories che contano per il ruolo di Primo Ministro. Il fatto che in campagna elettorale abbia annunciato l’intenzione di alzare il livello di scontro con Russia e Cina, e di essere pronta a scatenare l’inferno nucleare per difendere la democrazia (nei cimiteri) la rende perfettamente adatta al ruolo di Prima Psicopatica del paese. Un’altra replicante teleguidata si aggiunge alla folta schiera delle sue omologhe atlantiste. E’ nota la sua ignoranza, non solo in materia di geografia russa. Deve essere stato proprio questo mix irresistibile di ignoranza e arroganza a far cadere la scelta su di lei. I veri centri di potere, quelli che restano nell’ombra, da tempo temono leader politici capaci di autonomia di giudizio e di azione. Manovrare delle nullita’ e’ infinitamente piu’ semplice. Con Liz Truss il declino dell’Occidente subira’ un’ulteriore accelerazione, processo che sembra comunque diventato irreversibile.

(Laura Ru)

•••

“Se la situazione mi richiederà di premere il pulsante nucleare, lo farò.”

(Liz Truss)

https://www.independent.co.uk/news/uk/politics/liz-truss-nuclear-button-ready-b2151614.html

https://www.wsws.org/en/articles/2022/08/26/jfvn-a26.html

Autore:

La verità è il pane degli intelletti robusti. (Arturo Graf)

10 pensieri riguardo “Una criminale al governo britannico

  1. Da quando le tensioni con la Russia e la Cina hanno cominciato ad essere accresciute da Londra e Washington, è diventato necessario dichiarare apertamente la disponibilità ad iniziare una guerra nucleare. Tutto è iniziato nel 2015, quando Jeremy Corbyn ha conquistato per la prima volta la guida del Partito Laburista, soprattutto grazie alla sua opposizione alla guerra in Iraq e alla guida della Stop the War Coalition. Quando gli è stato chiesto in un’intervista il 15 settembre 2015 se avrebbe incaricato i capi della difesa del Regno Unito di utilizzare il sistema di armi nucleari Trident se fosse diventato primo ministro, Corbyn ha detto di no. Subì un attacco implacabile, con i conservatori, i blairiani e le figure militari che lo dichiararono inadatto a una carica, e capitolò su tutti i fronti.

    In un dibattito del 18 luglio 2016, l’allora primo ministro conservatore Theresa May, appena insediato, ha dichiarato di essere pronta a lanciare un attacco nucleare inquadrato come un attacco a Corbyn. Il 10 febbraio di quest’anno la BBC ha chiesto anche al sostituto di Corbyn come leader laburista, Sir Keir Starmer, se sarebbe stato disposto a usare armi nucleari e ha risposto: “Certo”. Questo era solo 14 giorni prima dell’invasione russa dell’Ucraina.

    Starmer ha parlato a seguito di un incontro con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, in cui ha commentato: “Qualunque sia la sfida che abbiamo con il governo, quando si tratta di aggressione russa siamo uniti”.

    Questo è il più ampio significato internazionale della dichiarazione di Truss sulla guerra nucleare. Non solo questa è la politica dell’imperialismo britannico. È la politica perseguita attivamente da tutte le potenze della NATO, guidate dagli Stati Uniti.

    Il vertice della NATO a Madrid, in Spagna, a giugno ha adottato un documento strategico che delinea i piani per militarizzare il continente europeo, intensificare massicciamente la guerra con la Russia e prepararsi alla guerra con la Cina. Si è impegnato specificamente a “fornire l’intera gamma di forze” necessarie “per combattimenti ad alta intensità e multidominio contro concorrenti paritari dotati di armi nucleari”.

    Russia e Cina sono state nominate rispettivamente come una “minaccia” e una “sfida” ai “nostri interessi”. La “posizione di deterrenza nucleare” della NATO, incentrata sulle armi nucleari statunitensi “dispiegate in avanti in Europa” è posta al centro di una strategia per “dissuadere, difendere, contestare e negare in tutti i campi e le direzioni”.

    Le figure militari della NATO si sentono già libere di discutere apertamente di condurre una guerra nucleare. In un simposio di giugno, il capo della Luftwaffe tedesca, Ingo Gerhartz, ha dichiarato: “Per una deterrenza credibile, abbiamo bisogno sia dei mezzi che della volontà politica per attuare la deterrenza nucleare, se necessario”, prima di aggiungere: “Putin, non pasticciare con noi!” Il 13 agosto, Hamish de Bretton-Gordon, l’ex comandante del reggimento chimico, biologico, radiologico e nucleare del Regno Unito, ha scritto sul Telegraph per insistere: “La Gran Bretagna dovrebbe prepararsi per la guerra nucleare”.

    Truss ha tradotto queste discussioni nei latrati e nei grugniti fascisti che l’hanno resa la beniamina del Partito Tory.

    Come devono rispondere i lavoratori a tale follia politica?

    Le moderne armi nucleari sono molto più potenti di quelle lanciate su Hiroshima e Nagasaki. Solo 50 potrebbero uccidere 200 milioni di persone, le popolazioni messe insieme di Gran Bretagna, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Germania. Ma quello sarebbe solo l’inizio. La modellazione della Rutgers University prevede che una guerra nucleare su vasta scala accenderebbe enormi incendi e nubi di fuliggine che bloccherebbero il Sole e devasterebbero i raccolti. Una successiva era glaciale nucleare significherebbe morire di fame per tre quarti delle persone e uccidere fino a cinque miliardi in due anni. Anche un conflitto nucleare “più piccolo” porterebbe probabilmente a 2,5 miliardi di morti.

    In primo luogo è necessario accettare ciò che a lungo è stato ritenuto impensabile: le potenze imperialiste stanno attivamente considerando l’uso di armi che distruggerebbero l’umanità e forse tutta la vita sulla terra. Una colonna WSWS Perspective del 26 marzo di Joseph Kishore e David North ha descritto accuratamente questo come “attraversare il Rubicone psicologico”. Ha avvertito del conflitto in Ucraina: “Il mondo è stato portato sull’orlo di una catastrofe nucleare dagli Stati Uniti e da altri grandi governi di potenza della NATO i cui leader stanno prendendo decisioni in segreto nascondendo i reali interessi geopolitici ed economici per conto dei quali agiscono .”

    In secondo luogo, devono essere comprese le cause profonde della guerra. Ciò che sta avvenendo è una ridefinizione del mondo da parte delle maggiori potenze imperialiste. I governi statunitense ed europeo non stanno rispondendo a un atto di aggressione russa “immotivato”. Stanno cercando di completare una politica di accerchiamento militare perseguita dalla dissoluzione dell’URSS nel dicembre 1991, propedeutica alla caduta del regime di Putin e alla presa del controllo delle vaste risorse della Russia per conto del capitale finanziario.

    L’unica forza sociale che può fermare questa catastrofica esplosione di violenza militare imperialista è la classe operaia internazionale, conducendo una lotta contro il capitalismo e per il socialismo. Nella sua risoluzione del Congresso del 2022, ” Mobilitare la classe operaia contro la guerra imperialista !” il Socialist Equality Party negli Stati Uniti spiega:

    Al suo livello più fondamentale, la guerra imperialista nasce dalle contraddizioni fondamentali del sistema capitalista – tra un’economia globale e la divisione del mondo in stati-nazione rivali, in cui è radicata la proprietà privata dei mezzi di produzione. Queste stesse contraddizioni, tuttavia, producono la base oggettiva per la rivoluzione socialista mondiale. Le conseguenze della guerra stanno già intensificando enormemente i conflitti sociali all’interno degli Stati Uniti. L’impatto dell’aumento dell’inflazione sta guidando la lotta di classe, inclusa l’esplosione di scioperi e proteste tra i lavoratori automobilistici, gli operatori delle compagnie aeree, gli operatori sanitari, gli educatori, i lavoratori dei servizi e altre sezioni della classe operaia.

    Questo vale a livello internazionale. Nel Regno Unito, ad esempio, sta crescendo un’ondata di scioperi che può spazzare via Truss e i Tories dall’incarico.

    Ciò che è richiesto in ogni paese è che i lavoratori conducano la lotta di classe sulla base di un programma socialista, mobilitandosi contro la guerra e contro tutti gli sforzi della classe dirigente, dei suoi governi e partiti, e della burocrazia sindacale per far loro pagare la guerra attraverso tagli salariali , perdita di posti di lavoro e accelerazioni. Soprattutto, i lavoratori devono raggiungere consapevolmente i loro fratelli e sorelle di classe per condurre una lotta comune contro il nemico comune. Le questioni non potrebbero essere poste in modo più netto: guerra mondiale e annientamento nucleare o rivoluzione socialista mondiale.

    https://www.wsws.org/en/articles/2022/08/26/jfvn-a26.html

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...